Verso la Selva Lacandona

Seconda parte. E’ mattina presto, ma l’emozione ci tiene svegli: carichiamo sulla camioneta che ci porterà a San Quintin i nostri sogni, pronti a condividerli con le altre persone che intraprendono con noi il viaggio verso la Selva Lacandona. Lasciata Ocosingo, il cammino segue dolcemente le vallate ricoperte da pini e campi di mais… scendiamo lentamente, l’aria si appesantisce e la foresta diventa sempre più verde. La strada sterrata e fangosa ci spinge attraverso minuscoli villaggi, dalle capanne in legno spuntano gli sguardi stupiti e curiosi dei bambini. Superato il caracol zapatista di Francisco Gomez, le pinete lasciano spazio alla giungla e comincia a diluviare. A tarda sera giungiamo finalmente a San Quintin, dove la strada termina: la sensazione e’ di trovare una comunità abbastanza confusa e disordinata. Decidiamo quindi di camminare fino all’ejido Emiliano Zapata, dove ci accoglie il “Secretario de turismo”, Adolfo. Ci alloggia in una splendida cabaña vicino al fiume, circondata dalla giungla e dall’ansimare dei suoi animali. La sera ceniamo con altri tre ragazzi nella casa del señor Manuèl, sua moglie ci prepara uno squisito pollo “en mole”, cotto a legna. Siamo stanchissimi e nel buio della giungla crolliamo senza offrire resistenza.

Giungla Selva Lacandona Chiapas villaggi comunità indigene movimento zapatista Emiliano Zapata Messico

Un commento su “Verso la Selva Lacandona”

  1. Mi commuovo ogni volta che leggo i vostri racconti,sono felice che stiate vivendo un’esperienza che arricchirà sicuramente la vostra vita e sarà un ricordo bellissimo quando ritornerete a questa realtà che non è piu fatta di cose semplici e incontrerete le difficoltà della nostra società a volte così complicata e contradittoria.
    Sono le sette di martedì mattina……vi voglio tanto bene…ciao mamma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *