San Paolo del Brasile

Arriviamo nella gigantesca capitale economica sudamericana, un mostro di cemento e grattacieli, mai avevamo visto qualcosa di simile a San Paolo del Brasile, nel nostro viaggio. La città che non può fermarsi.
Un formidabile colpo di fortuna ci fa incontrare i nostri amici, che ci attendono nella calca serale presso la rodoviaria barra funda. Attorno a noi non il verde intenso di Corumbá e dei luoghi attraversati nel viaggio verso San Paolo, ma una continua ed inestricabile giungla di alte costruzioni.
La città cosmopolita, crogiolo di culture, miscuglio di sguardi, tutti da vivere ciondolando da un luogo all’altro, da una piazza all’altra, così come tutte le metropoli amano farsi visitare.

san paolo brasile

Corumbá e Pantanal

Sbrigate le faccende doganali a Puerto Suarez, salutiamo l’amata Bolivia e ci buttiamo nella nuova avventura, che questa volta si chiama Brasile. Corumbá é un coloratissimo paese sulle rive del rio paraguay, porta di accesso per il pantanal. Nell’aria vi é un cambiamento radicale ed eletrizzante: musica, colori, vita… tutto avviene in strada. Movida brasiliana.
Il pantanal é una regione dalla naturalezza intatta e selvaggia (chissá fino a quando), dove il verde sgargiante della vegetazione contrasta con il rosso della terra bruciata. Numerosi animali si aggirano indisturbati nell’infinito dedalo di canali e stagni che compongono questa gigantesca pianura alluvionale, la piú grande del mondo. Capibara, cervi, giaguari (onça pintada), anaconde, alligatori (jacaré), innumerevoli specie di uccelli (pappagalli, ara). Percorriamo la transpantaneira, una strada che attraversa il pantanal, aprendosi la via con ponti traballanti sugli stagni. La strada porta alle numerose fazenda installate nel pantanal dai gauchos pantaneiros, vita dura e poche soddisfazioni, spesso a discapito degli abitanti indigeni della regione, costretti ad allontanarsi. A pranzo ci offrono zuppa di piranha e bocconi di jacaré.

corumbá brazil